Anno Accademico 2011/2012

L’attività del tredicesimo anno inizia poco dopo la riapertura delle iscrizioni e delle prove. Il 16 ottobre il Coro dell’Università di Pisa intrattiene gli ospiti e i festeggiati delle tradizionali “Nozze d’oro e d’argento con la Laurea”, presentando al Palazzo dei Congressi alcuni brani del repertorio verdiano e popolare, anticipati da un pezzo di ragtime da poco inserito nella sua collezione canora: il noto The Entertainer di Scott Joplin.Una data importante è il 20 ottobre, giorno in cui il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano visita la città di Pisa. Il suo percorso comprende una Lectio Magistralis presso l’Aula Magna della Sapienza e, per lungo tempo, rimane incerta la partecipazione del Coro alle manifestazioni di benvenuto.

Il gruppo di coristi, con il direttore Stefano Barandoni, rappresenta tuttavia un elemento ormai imprescindibile dell’Istituzione universitaria pisana. Così, verso le 11 della mattina del 20 ottobre, il Presidente fa il suo ingresso nel cortile della Sapienza, mentre le voci del Gaudeamus si librano ad accoglierlo.

Inaspettatamente, l’uomo si ferma, mentre le autorità dietro di lui fanno ala; ascolta intento, quindi dopo le ultime note si avvicina, stringe la mano al direttore, commenta divertito e commosso l’esibizione. Mentre riprende il cammino per salutare la folla assiepata dall’altra parte del cortile, il coro intona l’_Inno degli studenti Pisani_, memento della partecipazione di questa città agli eventi sanguinosi dell’Unità italiana. La giornata, benché riassumibile in pochi istanti, entra negli annali del Coro e, soprattutto, nella memoria individuale di ciascuno di noi.

Il 26 ottobre 2011, presso la Biblioteca di Lingue e Letterature moderne della Sede di Francesistica, il coro dell’Università offre un breve Concerto per la presentazione del volume “Le cinquecentine della Biblioteca di Lingue e Letterature moderne 1”. I brani, tratti dalle opere di Verdi, sono molto apprezzati. Il gruppo di cantori ottempera ai suoi obblighi istituzionali ancora l’11 novembre, in occasione del Congresso della Società Italiana di Gastroenterologi, presso la Sapienza. L’evento prevede l’esecuzione di cori tratti dalle opere di Verdi, cui si aggiungono i pezzi per mezzosoprano solo Stride la vampa dal Trovatore e Canzone del velo dal Don Carlo, eseguiti dalla straordinaria interprete Laura Brioli. Accompagna al pianoforte Claudiano Pallottini.

Il 4 Dicembre 2011 le sole sezioni maschili partecipano ad una replica dello spettacolo Gli studenti pisani a Curtatone. L’epopea del ’48 in musica e vernacolo, tenutasi al Cinema Teatro Lux in collaborazione con il Crocchio dei Goliardi Spensierati.L’ultimo impegno ufficiale del 2011 è il 15 dicembre, per gli immancabili auguri natalizi alla cittadinanza, presso la basilica monumentale di S. Paolo a Ripa d’Arno. Accompagnato dall’Orchestra dell’Università di Pisa e dalla pianista Chiara Mariani, il Coro offre un ricco repertorio che spazia dalla Cantata natalizia di Buxtehude Das Neugeborne Kindelein a canti popolari provenienti dalla tradizione americana, francese, tedesca, spagnola e, naturalmente, italiana. Melodie note, come White Christmas o Stille Nacht, si alternano a brani meno noti, quali Villancico,frutto dello scambio culturale con il coro di Girona o Jazz Gloria, pezzo dai ritmi coinvolgenti. L’esibizione si chiude con Jingle bells, nell’arrangiamento spiritoso e frizzante di Ray Charles. Per quest’ultimo canto, offerto come bis, i coristi e la pianista inalberano a sorpresa luminose acconciature natalizie. Fra gli applausi del pubblico entusiasta, il coro dà appuntamento agli aspiranti cantori il 12 gennaio 2012.

Nel pomeriggio di sabato 11 febbraio i coristi hanno partecipato all’inaugurazione di Piazza Vittorio Emanuele, riaperta al pubblico dopo i lunghi lavori di ammodernamento. Dopo l’Inno di Mameli, che ha preceduto il rituale taglio del nastro tricolore, sono stati eseguiti alcuni cori di Giuseppe Verdi ed il brillante Carnevale di Venezia di Gioacchino Rossini.

Successivamente il coro intrattiene il pubblico durante la tradizionale cerimonia per la consegna delle lauree con lode, tenutasi nel Palazzo dei Congressi il 31 marzo, mentre il 18 maggio propone, insieme ad alcuni componendi dalla Goliardia Pisana, una versione ridotta dello spettacolo dedicato alla battaglia di Curtatone e Montanara, in occasione della 50° Ragata Universitaria PISA-PAVIA.
Il 28 maggio, ancora al Palazzo dei Congressi, il coro intrattiene i partecipanti al V COngresso Nazionale SIMPIOS con alcuni brani di Verdi e la Suite di Canti Popolari Toscani.

Durante tutti questi mesi, il coro ha preparato con impegno il tredicesimo concerto annuale.
Il 13 giugno, nell’ambito delle manifestazioni del Giugno Pisano, si è svolto, presso la chiesa di Santa Caterina d’Alessandria restituita al pubblico dopo i lavori di restauro finanziati dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pisa, il Tredicesimo Concerto Annuale del Coro dell’Università di Pisa, organizzato in collaborazione con la Parrocchia e il Seminario Santa Caterina, il Comune di Pisa, l’Associazione Culturale Italo Tedesca e il Goethe-Institut. Nella splendida cornice trecentesca della grande basilica pisana, è stato eseguito, sotto la direzione del maestro Stefano Barandoni, l’arduo programma mozartiano articolato in quattro composizioni sacre realizzate in diverse fasi dell’esperienza artistica del genio di Salisburgo.

La prima parte del concerto ha visto il Coro, accompagnato dalla Tuscan Chamber Orchestra con i solisti Federica Nardi (soprano), Sara Bacchelli (contralto), Alfio Vacanti (tenore) Alessandro Ceccarini (basso), eseguire Vesperae solemnes de confessore KV 339,composti da Mozart per Salisburgo nel 1780 (dieci anni prima della morte) e comprendenti cinque salmi e il Magnificat.

Eseguiti per il servizio dei Vespri nei giorni dedicati ai santi confessori della Chiesa, il pubblico ha potuto godere in successione del Dixit, poi del Confitebor e del Beatus vir seguiti dal Laudate pueri e dal Laudate Dominum, infine il Magnificat. La scelta di tonalità differenti e di ritmi in successioni inaspettate, dalla fuga del Laudate pueri alle variazioni di forte e piano nelle frasi del Beatus vir, dalla morbida esecuzione del Laudate Dominum alla vivacità carica di tensione espressiva del Magnificat, ha contribuito a mantenere viva l’attenzione del pubblico invitato a partecipare, aiutato in ciò dall’acustica della chiesa, ad un’esperienza unica e coinvolgente. La seconda parte del concerto ha visto poi eseguire la Sonata da chiesa in do maggiore KV 328, composizione per sola orchestra, realizzata da Mozart, ancora per Salisburgo. Si è dunque passati all’esecuzione delle Litaniae Lauretanae KV 109, una serie di invocazioni alla Beata Vergine Maria, in una generale omoritmia delle quattro sezioni corali e con frasi più fiorite offerte dai solisti, all’interno di una composizione unitaria a connotazione devozionale ed intimista. Come brano conclusivo del concerto è stato poi eseguito il Te Deum KV 141, composto da Mozart appena tredicenne. Il coro ha interpretato il ruolo dei peccatori nella richiesta di perdono riponendo fede nel giudizio misericordioso del Salvatore, in una climax ascendente, dal chiaro fraseggio dell’incipit volto a far meglio cogliere l’inno di lode, all’insistenza polifonica conclusiva dove ogni sezione si rivolge direttamente a Dio.

Il vero grande protagonista di questo programma è stato dunque il Coro tornato, dopo l’ esecuzione del Davide Penitente nel 2006, a fronteggiare le composizioni di musica sacra mozartiane. Il forte impegno è stato ricompensato dalla numerosa e calorosa partecipazione del pubblico, nonché dalla presenza delle numerose autorità civili, religiose, accademiche e militari. Un grande concerto, certamente da ricordare come una serata epocale nella storia del Coro dell’Università di Pisa.
Gli impegni di questo ricco anno accademico si chiudono il 27 giugno, con il concerto per il Congresso CARS 2012, in cui vengono proposti gli ormai richiestissimi cori tratti dalle più famose opere di Verdi e la Suite toscana.

© 2001-2021 Coro dell'Università di Pisa · Web development & design · Ringraziamenti

Iscrizione alla Newsletter
×

Se vuoi tenerti informato sulle novità rilevanti riguardanti il Coro e ricevere un avviso sull'imminenza di appuntamenti in programma, iscriviti alla Newsletter.

Ai sensi dell’art. 13 d.lgs. 196/03 (Codice in materia di protezione dei dati personali) Le forniamo le seguenti informazioni:

  • i dati personali da Lei forniti saranno utilizzati esclusivamente per l'invio di informazioni relative alle attività del Coro dell'Università di Pisa;
  • il trattamento dei dati sarà effettuato mediante l’ausilio di supporti informatici e/o cartacei idonei a garantirne la sicurezza e la riservatezza;
  • i dati non saranno oggetto di comunicazione e/o diffusione a terzi;
  • in ogni momento potrà esercitare i Suoi diritti nei confronti del titolare del trattamento, ai sensi dell'art. 7 del d.lgs.196/03, ivi compreso il diritto di ottenere la cancellazione dei dati scrivendo a: corounipi@gmail.com.